Negli ultimi tempi si sente spesso parlare di questo nuovo social del momento: TikTok.
Si basa su brevi contenuti video, molto spesso musicali e sta spopolando tra i più giovani.
Ma in che modo si può sfruttare a favore per il proprio brand?

Cos’è TikTok?

Probabilmente molti di voi non ne hanno mai sentito parlarne, ma è uno dei social network più  diffusi tra i giovani di età compresa tra i 12 anni ed i 17 anni e sta letteralmente conquistando il mercato.
La particolarità di questo social è riuscire subito a farti capire in breve tempo i suoi meccanismi. In breve, TikTok è un social per micro video, da 15 secondi ad un massimo di 60.
Ogni utente ha la possibilità di esprimere al massimo la propria creatività, montare dei video a ritmo con la musica, con filtri e rallentare o velocizzare il video per qualsiasi scopo: divertimento (i più frequenti), per uno scopo ben preciso ( #forclimate), oppure per campagne pubblicitarie o scopi politici.

I numeri 

I numeri sono a dir poco impressionanti: TikTok ha registrato 500 milioni di utenti attivi a Luglio, destinati a crescere esponenzialmente.
Per fare un paragone: Instagram a 1 miliardo di utenti attivi al mese, ma è un social ben collaudato da anni e snapchat ne fa 188 milioni attivi al mese.

Ma TikTok è per teenager

Sarò onesto, la prima volta che ho aperto TikTok, circa 1 anno fa, ho pensato: “Ma cos’è questa roba”, un social pieno di ragazzini che facevano più che altro cose senza senso. Molti video erano veramente di basso livello, altri facevano ridere, alcuni invece erano molto creativi.
Decisi così di abbandonare la piattaforma, perché la vedevo come una cosa inutile per il mio business e il mio target era decisamente su altre piattaforme.

A distanza di quest’anno, sono andato a vedere se qualcosa era cambiato a livello di struttura e contenuti,  ed è proprio in quel momento che ho deciso di scrivere questo articolo.
Molti vip hanno deciso di far parte di TikTok, tra cui: Will, Smith, Michelle Hunziker, Fiorello e molti altri ne stanno prendendo a farne parte, l’età media del social è cresciuta, anche se di poco. Si riescono a trovare anche video interessanti e con informazioni utili. Questo ci fa capire che questo social sta crescendo e ottenendo successo, sta diventando sempre più virale, proprio come hanno fatto i suoi predecessori.

Ricordate all’inizio Facebook? Beh, era un social dove i contenuti erano per lo più senza senso e il pubblico era prevalentemente molto giovane. Ora Facebook viene nominato come social per “vecchi”, proprio perché molti dei suoi utenti ne sono rimasti ancora ancorati, nonostante il passare degli anni e si sono “invecchiati” insieme a Facebook.
Mentre su Instagram, che inizialmente era visto come un social network solo per foto vintage, pochi brand ne avevano capito il suo enorme potenziale, non sfruttandolo.
Ora Instagram è il social preferito dai brand.
Il grande problema è che sia Facebook che Instagram, sono saturi di contenuti ed è sempre più difficile creare qualcosa di originale.

Perché dovrei tenerlo in considerazione?

TikTok, essendo ancora un social “giovane”, offre la possibilità di essere tra i primi utenti t in assoluto a farne parte, quindi di farsi conoscere maggiormente, raccogliere follower e avvantaggiarsi rispetto ai competitor.
Come ho detto prima, sia Facebook che Instagram sono saturi di contenuti, TikTok invece rappresenta un qualcosa di diverso, con la reale possibilità di creare nuovi contenuti originali per il proprio brand.
E’ un social che pian piano “invecchierà”, lo possiamo capire dal fatto che l’età media sia già salita, ( anche se di poco) e non ci siano più solo teenager. TikTok è da tenere in considerazione sopratutto perché in Italia non è ancora così diffuso.

Sinceramente non posso sapere se questo social network manterrà le statistiche di crescita che ha ora, ma sono del parere che è sempre meglio tentare, piuttosto che mangiarsi le mani in futuro. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *