Il SEM è una delle branche del Web Marketing più importanti, perché consente, attraverso una campagna pubblicitaria a pagamento di essere visualizzati da molti utenti nei motori di ricerca. In questo articolo andremo a vedere che cos’è, a cosa serve e alcune delle tipologie di online advertising esistenti.


Cos’è il SEM?

Il SEM ( Search Engine Marketing) è una delle branche del Web Marketing più importanti per il posizionamento di un determinato sito web nei motori di ricerca. Comprende tutte quelle attività atte a generare traffico tramite l’acquisto di spazi pubblicitari o all’adozione di campagne a pagamento. Attraverso l’attività di SEM si può migliorare notevolmente la visibilità ed il traffico di un sito web, poiché i contenuti vengono visualizzati prima degli altri nei risultati dei motori di ricerca e quindi con una maggiore possibilità di essere visitati.
Questa attività di web marketing offre la possibilità al gestore di un sito web di generare un gran numero di utenti interessati realmente al tuo sito o prodotto.

A cosa serve fare SEM?

Come ho scritto nel paragrafo precedente, lavorare con il SEM significa condurre tutte quelle attività di promozione strategiche svolte sui motori di ricerca per generare traffico realmente interessato al sito web.
È scontato che per far si che una pagina web godi di un buon posizionamento, necessiti di una strategia SEO ottimale. L’attività di Search Engine Marketing aiuta ulteriormente a migliorare la posizione del sito web sui motori di ricerca.
Una campagna SEM può essere studiata per far si che attiri traffico solo su una singola pagina del sito ( descrizione di un prodotto), con l’obiettivo di far conoscere o vendere un determinato prodotto oppure tramite una landing page con un’invito all’azione specifica.

Ok, ma ora ti chiederai: quali sono i reali obiettivi, e quali sono i vantaggi di una strategia SEM?
Te lo spiego subito.

Gli obiettivi

Per quale motivo si avvia una campagna SEM? Per raggiungere degli obiettivi posti inizialmente nella strategia. Gli obiettivi, in genere per esigenze aziendali, si possono raggruppare nei seguenti macro-obiettivi:

  • Visibilità
  • Traffico
  • Conversioni
  • Vendite

Tutte le campagne pubblicitarie passano attraverso questi obiettivi, sta all’azienda capire quale di questi è il più utile per raggiungere lo scopo finale prefissato, attraverso una strategia ben studiata.

C’è anche da dire che spesso non è facile definire quali siano gli obiettivi adatti, la maggior parte per problemi di budget ( una campagna per le vendite costa molto di più rispetto a quella che ti porta visibilità), quindi occorre adattare delle strategie diverse, che ti portino ad ottenere il massimo risultato, senza un inutile spreco di soldi.

I vantaggi di una strategia SEM

Le campagne a pagamento hanno diversi vantaggi rispetto a quelle organiche (SEO), vediamo quali:

Tempi di avvio: Una campagna SEM è senza dubbio il metodo più veloce se si vogliono ottenere risultati immediati senza dover attendere mesi.
Analisi dei risultati veloce: Dopo una campagna a pagamento, i risultati come le conversioni, target, provenienza, etc… richiedono relativamente poco tempo. In questo modo hai la possibilità di rivedere e modificare la strategia in un tempo davvero molto breve
Campagne in tempo reale: Ogni operazione realizzata sono pubblicare in tempo reale, in questo modo hai la possibilità di controllare nei minimi dettagli sprechi e campagne poco efficaci.

Metriche di misurazione

Click: il numero di click che viene effettuato sull’annuncio
Impression: è il numero di volte che una pagina web, un annuncio o un link vengono visualizzati;
Click- Trought Rate (CTR): è il rapporto espresso in percentuale tra il numero di impression ( visualizzazioni di una pagina), di un banner e il numero effettivo di click effettuati su di esso.
CPO (Cost Per Order): metrica usata per negozi e-commerce;
Landing Page: è la pagina che il visitatore raggiunge dopo aver cliccato un link o un banner pubblicitario. Tale pagina, è ottimizzata per specifiche parole chiave e per attrarre e incuriosire il visitatore. Inoltre, la pagina deve essere creata ad hoc con informazioni di interesse ( call to action, contatti), in modo da convertire l’utente in potenziale acquirente.
Conversioni: numero di azioni svolte dall’utente ( download, iscrizioni,acquisto).

Acronimi SEM da conoscere

PPC ( Pay Per Click): è un indice utilizzato nei circuiti pubblicitari, come per esempio Adwords. L’inserzionista paga in base ai click effettivi dell’utente sull’annuncio pubblicitario. L’esempio ottimale di pubblicità in PPC sono gli annunci sponsorizzati che appaiono in cima ai motori di ricerca;
CPM/CPT (Costo Per Mille): costo da pagare ogni mille visualizzazioni (Impression);
CPA ( Costo Per Azione): è un costo fisso da pagare all’utente per ogni azione compiuta ( vendita, lead, registrazione alla newsletter etc..);
CPL ( Costo per Lead):
Costo effettivo per ogni iscrizione di un utente alla newsletter;
CPS: (Cost per Sale): è il costo fisso che viene pagato per ogni vendita generata da un annuncio online.

Creare una campagna con Google Adwords

Google è senza dubbio il motore di ricerca più usato al mondo, con circa 15.000 miliardi di ricerche al mese.
Adwords è lo strumento che Google mette a disposizione agli inserzionisti per realizzare le campagne pubblicitarie a pagamento.
Gli annunci pubblicitari vengono pubblicati in tutta la rete del motore di ricerca, non solo all’interno dei risultati di ricerca, ma anche nei siti partner, su Youtube, su Gmail e all’interno del circuito Adsense.

Come funziona?

Si creano gli annunci e si scelgono le parole chiave pertinenti, in questo modo quando l’utente effettua una ricerca su Google, tutti gli annunci con le parole chiave correlati alla ricerca vengono inseriti in un’asta automatizzata.
Gli annunci vengono mostrati al potenziale cliente in cima alla pagina dei risultati del motore di ricerca ( indicati dalla voce “Ann”).

È importante avere le idee chiare quando si crea un annuncio, Adwords è uno strumento di marketing molto potente, ma occorre avere fin da subito in chiaro gli obiettivi da portare a termine, per realizzare campagne che portino dei risultati concreti.

  • Vuoi far conoscere l’attività o un prodotto?
  • Che budget ho a disposizione?
  • Dove voglio far conoscere la mia attività o vendere i miei prodotti?
  • Che risultati quantitativi voglio raggiungere?

Struttura campagna Adwords

La prima cosa da fare è creare la propria campagna dell’articolo che ci interessa: in questo caso prendiamo come esempio delle scarpe da donna e creiamo la nostra campagna.
Il secondo passo è creare il gruppo di annunci che aiutano a segmentare la campagna in sottogruppi specifici in base al prodotto che abbiamo deciso di vendere.
L’ultimo passaggio è l’inserimento delle keyword per ogni gruppo di annunci. Questo consente di dividere al meglio l’articolo per categoria e di essere trovato più facilmente nei motori di ricerca.

campagna adwords sem

Molto presto scriverò un articolo dedicato solo ad Adwords. È un argomento molto vasto e complesso e merita un maggiore approfondimento.

L’online advertising

L’online advertising è uno dei strumenti più diffusi su internet e proprio su questa tematica che si basano le campagne SEM.
Gli strumenti a disposizione sono basati quasi sempre sulla possibilità di acquistare spazi dedicati su internet molto visitati e popolari, all’interno dei quali poter inserire banner o messaggi promozionali. Hai presente quando entri su un sito web e scorrendo la pagina incontri tutti quei banner pubblicitari? Ecco, sono proprio quelli.
Il funzionamento è quindi molo semplice: il visitatore incuriosito clicca su un annuncio che lo rimanda al sito web, qui svolge l’azione ( lettura, registrazione, acquisto)
Ci sono varie tipologie di online ads, vediamo quali:

Display ADV

Il display advertising si avvale di spazi pubblicitari messi a disposizione da proprietari di siti web, per il collocamento e l’esposizioni di banner pubblicitari.
Sono particolarmente efficaci per promuovere un brand e generare traffico attraverso i banner di diversi formati.
Molti quotidiani online hanno spazi venduti per l’inserimento di banner.
Lo svantaggio più grande del Display ADV è che il più delle volte i siti web ne fanno un gran uso e questo potrebbe interrompere la lettura dell’utente, distraendolo.

SEM con ricerca PPC (Pay Per Click)

Il PPC è una modalità di acquisto e pagamento di pubblicità online, l’inserzionista paga una tariffa in base ai click effettivi dell’utente su un annuncio pubblicitario. L’esempio più pratico di pubblicità Pay per Click è il keyword advertising, annunci sponsorizzati che compaiono nei risultati dei motori di ricerca
È uno strumento molto utile per acquisire nuovi visitatori verso il proprio sito.
Molti siti web, sopratutto gli e-commerce, creano delle landing page apposite di un determinato prodotto, per far si che ricevi più visualizzazioni e quindi abbia maggiori possibilità di essere venduto.
Le inserzioni, di fatti, possono essere sotto forma di testo o di immagine e sono correlati attraverso le parole chiave.

campagne ppc sem

Social Media Advertising

Il vero rivale del PPC: i social network sono uno strumento molto potente, con milioni di visitatori al giorno, gratuiti e pieni di informazioni.
Nei profili è possibile reperire moltissime informazioni degli utenti e questo consente ai social di avere un database enorme.

Gli annunci pubblicitari che troviamo sui social network sono molto vantaggiosi, perché consentono di mirare ad un target estremamente preciso e di diffondere un messaggio promozionale con precisione , ad un costo minore rispetto a una campagna Adwords.

Mobile Advertising

E’ bene precisare che non è assolutamente l’adattamento dell’online advertising.
Gli smartphone hanno caratteristiche specifiche diverse rispetto ad un computer come la dimensione di uno schermo, o la velocità di navigazione ridotta e altre caratteristiche, che richiedono dei canali pubblicitari differenti. In sostanza il Mobile advertising consente in un tipo di campagna promozionale dedicata solo ai dispositivi mobile.
I canali sono numerosi nel quale, attraverso questa campagna, si ha la possibilità di comunicare ed interagire con i potenziali utenti.
Le campagne pubblicitarie possono svilupparsi attraverso i video ( banner sui video di youtube), messaggistica istantanea ( sms e mms), o tramite app per mobile.

Struttura di una campagna SEM

Come abbiamo visto finora, una campagna SEM consente di ottenere maggiore visibilità al nostro sito web.
Ma come fare per realizzare una campagna pubblicitaria vincente?

1) Devi dare una risposta a un problema, ad una necessità. Quando l’utente va alla ricerca di qualcosa, in genere vuole trovare subito la risposta.
2) Evidenziare i punti di forza, i vantaggi ed i benefici della soluzione che stai offrendo.
3) Offri qualcosa di interessante all’utente così da incentivarlo a compiere una azione attraverso una landing page ( scaricare, compilare un modulo di contatto)
4) Cerca di avere una grafica curata e di andare dritto all’obiettivo.

Scegli gli obiettivi

Come abbiamo visto nel paragrafo iniziale, occorre avere sempre un obiettivo (visibilità,traffico.conversioni,vendite), per avere le idee chiare fin da subito. Con l’aumentare dell’importanza del nostro obiettivo, saranno sempre più maggiori le informazioni di cui avremo bisogno per capire l’efficacia delle nostre campagne.

Landing page

Struttura al meglio le landing page, per far si che gli utenti che cliccano e visitano la pagina, siano propensi a compiere una determinata azione. Attivare una campagna ben ottimizzata non basterà per ottenere dei risultati soddisfacenti se il sito web non è ben strutturato.

landing page

Avvio della campagna SEM con Adwords

Infine, occorre creare gli annunci pubblicitari, scegliendo accuratamente la campagna che ci dia il massimo risultato per l’obiettivo che ci siamo predisposti.

Molto presto ti spiegherò come realizzare una campagna pubblicitaria passo dopo passo in un articolo dedicato, quindi tieni aggiornato sul blog e sui nostri social network!

Conclusioni

Il search engine marketing è la via veloce e che offre maggior risultati per ottenere visibilità sui motori di ricerca. Il prezzo è piuttosto alto, per questo occorre pianificare una strategia precisa per far si che la campagna pubblicitaria abbia quanto maggior successo.
Adwords è uno strumento piuttosto facile da usare, ma risulta particolarmente complesso il sistema, che comporta la necessità di conoscenze approfondite. Scriverò una guida all’uso a breve, promesso!


Seguici anche su Facebook e Instagram e aiuta a far crescere la community!


Se sei interessato alla SEO ( traffico organico, non a pagamento), ti consiglio questo articolo.
SEO: cos’è, come si fa e il posizionamento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *