Jeff Bezos è sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo, ma questa volta si tratta di un progetto totalmente diverso dal mondo E commerce.
La nuova idea è una sorta di clinica virtuale a distanza per i dipendenti: Amazon Care.


L’applicazione sanitaria per i dipendenti

Il nuovo programma lanciato da Amazon basato su telemedicina e invio di medicinali a domicilio. La sperimentazione del programma per ora è solo a Seattle ed è disponibile per i dipendenti e famigliari di Amazon, che hanno sottoscritto un piano assicurativo . Il programma, consente di poter scaricare un’app o visitare il sito web ( https://amazon.care/ ) che, attraverso questa funzione, i dipendenti possono comunicare tramite una chat con un infermiere. Attraverso l’app, il dottore è in grado di fornire cure, in base ai sintomi riscontrati. Qualora il paziente avesse bisogno di effettuare delle visite più approfondite ed è impossibilitato a muoversi da casa, l’infermiere di turno può recarsi nell’abitazione, attraverso un codice identificativo . È inoltre possibile assegnare da remoto ricette e farmaci, che vengono spediti e ricevuti comodamente in ufficio o a casa.
Nel caso di una patologia grave, Amazon Care provvederà a chiamare direttamente il 911.
Con questa iniziativa, l’azienda spera di ridurre i tempi di viaggio e di attesa che solitamente si hanno per una visita medica.

amazon care
Amazon Care

Per quali problemi di salute si rivolge?

Come ho detto prima, Amazon Care è in grado di effettuare visite mediche normali, ma non per patologie gravi, dove occorre andare in ospedale.

I problemi di salute per la quale ci si può rivolgere sono:

  • Cure urgenti come influenza, allergie, lesioni lievi, eruzioni cutanee, infezioni respiratorie;
  • Assistenza sanitaria sessuale: test per la prevenzione dell’HIV e per l’infezione sessuale;
  • Vaccini e vaccinazioni per i viaggi;
  • Consulti preventivi;
  • Consigli e supporto sanitario generale;

L’obiettivo di Amazon Care

L’obiettivo è ridurre i tempi di allontanamento dal lavoro per motivi medici dei dipendenti, riducendo le spese per l’assistenza sanitaria dell’impresa e dando un servizio di maggior benessere ai dipendenti.
Amazon non è il primo colosso a testare una clinica sanitaria online, la Apple si è mossa prima, offrendo una assistenza sanitaria, ma anche nutrizionale e sportiva. Il risultato? Un maggior senso di appartenenza all’azienda da parte dei dipendenti.
Proprio per questo motivo Amazon sta investendo tanto sul servizio, non solo vede un’opportunità di mercato, ma probabilmente vuole ottenere ancora un maggior senso di appartenenza da parte delle persone al marchio Amazon.

Chissà se in un futuro, non troppo lontano, Jeff Bezos avrà intenzione di estendere Amazon Care anche nel resto del mondo. Magari come supporto sanitario non solo per i dipendenti dell’azienda, ma per tutte le persone che decideranno di aderire al programma.


Seguici anche su Facebook e Instagram e aiutaci a crescere lasciando un like o commentando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *